La Storia

La Galleria d’arte La Colomba compie i venti anni di attività. Il programma e la durata sono la dimostrazione di come La Colomba sia inserita nel contesto civile e culturale della città e del territorio. Nel tempo, il periodo artistico considerato va dall’Ottocento al Novecento fino all’attualità dei nostri giorni nel nuovo secolo. Nello spazio, La Colomba tiene conto della geografia culturale del luogo, offrendo la produzione di pittori e scultori della Svizzera Italiana, della Svizzera, e dell’Italia.

Fin dall’inizio la galleria ha assunto un orientamento anzi una filosofia di apertura pluralista ad ampio raggio, ma anche con una netta inequivocabile preferenza per l’opera costruita e definita in quanto immagine pienamente realizzata, nella sua energia vitale interna e nella capacità di colloquio verso l’esterno. Certamente le ricerche settoriali e analitiche sui materiali, o sui procedimenti, o su indagini concettuali, o sugli elementi minimali e altro ancora, possiedono significati degni di ogni rispetto.

Non è però questa la scelta della galleria La Colomba, che preferisce affrontare ogni volta il rischio dell’immagine forte, del discorso compatto, l’immagine che costituisce piena espressione di interiorità, e comunicazione con l’interiorità degli altri. La galleria svolge le sue funzioni al servizio degli artisti, dei collezionisti e del mercato d’arte, ma soprattutto della popolazione, dei conoscitori e degli amatori d’arte. Accanto all’allestimento delle mostre ha curato la pubblicazione di tre serie di cataloghi.

La collana Pittura dell’Ottocento comprende i seguenti titoli: Pittori dalla radice lombarda.; Ottocento dall’Alpi al Mediterraneo; Quel cielo di Lombardia; Luigi Rossi; Ottocento italiano e ticinese, conferme e scoperte; Ottocento rivisitato; Ottocento.Nuove proposte; Quadreria dell’Ottocento. Per il Novecento, dopo le mostre di Carlo Cotti, Guido Tallone, dell’Informale, è seguita una serie di artisti (anche con riprese a distanza di anni) con la pubblicazione di cataloghi nella collana Arte Contemporanea: Xanti Schawinsky, Pietro Annigoni, Ferdinand HodIer, Pietro Salati, Imre Reiner, Francis Bott, Nag Arnoldi, Piero Giunni, Gian Franco Fasce, Valentino Vago, Mario Raciti, Renzo Ferrari, Sergio Emery, Jean Corty, Costantino Guenzi, Ruggero Savinio, Gianni Realini, Selim Abdullah, Rudolph Mumprecht, Agostino Ferrari, Michel Favre, Gianni Metalli, esposti una o più volte. Per altre mostre sono stati pubblicati cataloghi-monografie nella serie Colomba Argento 2000: Renzo Ferrari, Masataka Kubota, Samuele Gabai, Ruggero Savinio, Aldo Ferrario.

La galleria oggi come ieri si rivolge a tutti coloro che considerano la produzione artistica un apporto di grande valore, capace di nutrire e arricchire la qualità della vita nei suoi aspetti più profondi.