Vago Valentino

Barlassina 1934


Frequenta l’Accademia di Belle Arti di Brera e si diploma nel 1955. Dallo scorcio degli anni ’50 da’ vita ad immagini di limpida informalita’, con riferimenti all’estrazione lirica di Rothko.

Su questa matrice, le visioni vengono progressivamente rarefacendosi, trasformandosi nel corso degli anni ’70 e ’80, in una “scrittura” di linee e di inquieti segni vitali, che si innestano su campi cromatici di immensa spazialita’.

Nel ciclo di affreschi a San Giulio di Barlassina compare il “segno” della citazione delle icone storico-artistiche.
Oltre alle tradizionali tecniche pittoriche pratica la pittura murale.