Raciti Mario

Milano 1937


Dopo gli studi classici e la laurea in Giurisprudenza, abbandona la professione di Legale nel 1961 e si dedica completamente alla pittura, cui si era accostato da autodidatta sin dal 1950.

La ricerca pittorica si svolge con costante coerenza su una “visione del mondo” di registro lirico e visionario, con un percorso che, partendo dalle iniziali prove postinformali, attraverso la fase delle “presenze-assenze”, approda alle attuali “Mitologia” e “Mistero”.