Annigoni Pietro

Nato a Milano il 7.6.1910.


Ha studiato a Firenze, dove vive e lavora. E’ stato allievo presso l’Accademia delle Belle Arti di Firenze, di Carena e di Graziosi. La sua prima personale è del 1932. Nel 1947, con Sciltian e i fratelli Bueno, firma il manifesto dei “Pittori moderni della realtà”. Dal 1949 svolge un’intensa attività in Inghilterra e negli Stati Uniti. Nel 1955 fu chiamato alla Corte di San Giacomo ad eseguire il ritratto della Regina Elisabetta; dopo il celebre ritratto molti personaggi del mondo furono oggetto della sua eccezionale ritrattistica (Giovanni XXIII, il Principe Filippo, la Principessa Margaret, la Regina Madre d’Inghilterra, John Kennedy, Johnson, Farah Diba, Scià di Persia, ecc.).

Molte sue opere, dalle grandi composizioni di genere sacro e profano, al paesaggio e alle nature morte arricchiscono collezioni pubbliche e private. (Una “Deposizione” al Convento San Marco di Firenze, un “Crocifisso” nella Chiesa di Andrea del Castagno – S. Godenzo; una Madonna nella Chiesa di Hayes dell’Aeroporto di Londra).
Notissime le grandi tele “II discorso della montagna”, “Vita”, “San Giuseppe lavoratore” (Basilica di S. Lorenzo a Firenze). Fra le opere più recenti gli affreschi “Deposizione e Resurrezione” e “l’Ultima Cena” nella Chiesa di San Michele Arcangelo a Ponte Buggianese (Pistoia). E la “Vergine Assunta con S. Benedetto” e “S. Giovanni Battista”, la “Sepoltura di S. Scolastica” e la “Gloria di S. Benedetto”, nel monastero a Montecassino. Notevole il contributo personale all’opera grafica, acqueforti e litografie.
Sue mostre personali sono state allestite a Firenze, Milano, Londra, Parigi, New York e in vari centri in Italia e all’estero.